13 gennaio 2016
CATEGORIA: Cinema

L’utilità dei Golden Globes

12517199_10208715066899841_1579569396_o

Arte Rivista – Beverly Hills

Quasi tutte le cerimonie di premiazione di Hollywood possono essere definite come un’ostentato sfoggio di narcisismo, ma nessun’altra risponde a questa definizione quanto i Golden Globe Awards.

Questo spettacolo, che quest’anno ha visto il ritorno di Ricky Gervais come presentatore, va avanti da così tanti anni che ormai è dato per scontato, considerando che i Globe vengono assegnati da un fantomatico gruppo di persone, le quali si autoriconoscono l’autorità per premiare film e serie tv. Quando qualcuno vince un Oscar o un Emmy, viene celebrato direttamente da altri che appartengono alla stessa comunità di scrittori, registi, attori e artisti. Ma lo stesso non può dirsi per chi vince un Golden Globe.

12540298_10208715066219824_439397379_n

Il gruppo che sta dietro ai Golden Globes è la Hollywood Foreign Press Association (Associazione della stampa estera di Hollywood), e se vi sembra un nome inventato, è perché in pratica lo è. La HFPA è stata creata dal nulla da un gruppetto di scrittori nel 1943 e subito ha iniziato a elargire premi come se fossero caramelle. Oggi l’associazione è formata da una novantina di persone (per fare un paragone, l’Academy che conferisce gli Oscar è composta da più di 7000 membri), con pochissima credibilità giornalistica o critica. La richiesta minima per rimanere membri attivi dell’associazione è di quattro articoli pubblicati all’anno. Un numero abbastanza ridicolo.

12506613_10208715066259825_1085229255_n

Negli ultimi 30 anni, il dover far finta che i Golden Globes abbiano credibilità, ha conferito alla cerimonia una sorta di chiassosa energia e certamente i fiumi di champagne che offre l’open bar garantiscono molte presenze. Celebrità mezze ubriache e discorsi di presentazione confusionari non sono solo uno spettacolo occasionale, sono parte dell’esperienza. Chi a un certo punto non vorrebbe un drink dopo tre ore a fingere di essere interessati a un premio inventato, presentato da un’associazione inventata, i cui membri (non ufficialmente) prendono tangenti dagli studios. La cosa è talmente spudorata e sotto gli occhi di tutti che persino Ricky Gervais vi ha fatto riferimento nel suo monologo d’apertura. Inoltre, l’atmosfera da party è senza dubbio amplificata dal fatto che la Hollywood Foreign Press Association ci tiene a nominare tutti, raddoppiando il numero di persone in lizza per i loro premi più importanti con la separazione delle categorie in film drammatici e musical o commedia (non lo sapevate che The Martian è un commedia?).

12571343_10208715066819839_1484663015_n

 

Quindi, per concludere, si direbbe che i Golden Globe siano abbastanza inutili. Non proprio.

Che sia perché aprono l’award season o per altri motivi, i Golden Globe sono ormai diventati estremamente influenti quando si parla di Oscar. E questo è particolarmente evidente per quello che riguarda le categorie della recitazione. I Globes hanno predetto i vincitori dell’Oscar per miglior attore, miglior attrice e miglior attore non protagonista per nove volte rispettivamente negli ultimi dieci anni. Lo stesso, anche se in minore quantità vale anche per il Miglior Film.

E in questo notevole trend risiede la vera utilità di questa cerimonia, nonostante l’assurda premessa su cui essa è costruita.

Articolo scritto da:
Simone Buzzi Reschini

Simone Buzzi Reschini

Nato a Varese, si laurea in Lettere Moderne a Milano e ora vive a Bologna dove frequenta la magistrale di Cinema, Televisione e Produzione multimediale. Appassionato ad arte di cinema, navigatore incallito e divoratore di serie TV.
TI POTREBBE INTERESSARE
CATEGORIA:Cinema
  • download
    Arte Rivista – Milano Tempi duri per il mondo del cinema con le sale chiuse e le riprese bloccate causa coronavirus ormai da mesi in tutto il mondo. Alcune case di produzione
  • Disney_286x424-1
    ArteRivista – Milano Al Mudec di Milano arriva la mostra “Disney: l’arte di raccontare storie”, dal 19 febbraio al 13 settembre, che raccoglierà gli intramonta
  • frida-viva-la-vida
    Arte Rivista – Milano Torna La Grande Arte al Cinema di Nexo Digital con un nuovo documentario dedicato a Frida Khalo, con la voce narrante di Asia Argento e la colonna sonor