17 luglio 2019
CATEGORIA: Arte Italiana

Ugo Nespolo a Palazzo Reale

PROMO_11187_Nespolo_Banner_Reale

Arte Rivista, Milano

Fino al 15 settembre, Palazzo Reale di Milano presenta la mostra “Nespolo fuori dal coro”, una retrospettiva che ripercorre la carriera dell’artista Ugo Nespolo dagli anni Sessanta ad oggi.

La mostra, curata da Maurizio Ferraris, si struttura in diversi capitoli che mettono in luce aspetti del lavoro poliedrico di Nespolo, per rivendicarne un ruolo autonomo ed originale. Insofferente agli obblighi del conformismo creativo e critico, Ugo Nespolo ha infatti dato vita ad una figura d’artista unica. Mai legata in maniera assoluta ad un filone, la sua produzione si caratterizza per un’accentuata impronta ironica, trasgressiva e divertente.

 

Articolo scritto da:
Francesca Grazioli

Francesca Grazioli

Nata a Milano nel 1985, nel 2011 consegue a pieni voti la laurea magistrale in Marketing e comunicazione d'impresa presso l'Università degli Studi di Milano. Giornalista pubblicista, dal 2014 è una tra i primi collaboratori di Arte Rivista.
TI POTREBBE INTERESSARE
CATEGORIA:Arte Italiana
  • raffaello
    Arte Rivista – Urbino Il 2020 doveva essere l’anno di Raffaello, non del Coronavirus. Forse c’è ancora tempo, chissà. Fatto sta che oggi, 6 aprile 2020, ricorro
  • Ritratto di donna nei panni di Venere (“Fornarina”)
Portrait of woman in the role of Venus (“Fornarina”)
1519-1520 circa
olio su tavola / oil on panel
Roma, Gallerie Nazionali d'Arte Antica di Roma, Barberini
Gallerie Nazionali di Arte Antica, Roma (MIBACT) - Biblioteca Hertziana, Istituto Max Planck per la storia dell’arte/Enrico Fontolan
    Arte Rivista – Roma Della sua morte, tragica e improvvisa – e in qualche modo oggi così attuale dal momento che arrivò dopo pochi giorni di “febbri acutissime&#
  • Emilio-Vedova.-Installation-view-at-Palazzo-Reale-Milano-2019.-Photo-Marco-Cappelletti
    Arte Rivista – Milano Nel centenario della nascita di Emilio Vedova, Palazzo Reale dedica all’artista veneziano un’ampia retrospettiva curata da Germano Celant. Una mostr