19 settembre 2017
CATEGORIA: Arte Italiana

Gli “Ambienti” di Lucio Fontana all’Hangar Bicocca

lucio fontana hangar bicocca

Arte Rivista – Milano

Inaugurerà il 20 settembre la mostra Lucio Fontana – Ambienti/Environments, ospitata nei grandi spazi del Pirelli Hangar Bicocca di Milano fino al 25 febbraio 2018.

L’esposizione, a cura di Vicente Todolí, raccoglie per la prima volta 11 Ambienti spaziali, realizzati da Lucio Fontana tra il 1949 e il 1968: stanze e corridoi progettati dall’artista e quasi sempre distrutti al termine delle esposizioni, che rappresentano le opere più sperimentali e meno note di Fontana, proprio per la loro natura effimera. Alcuni degli ambienti esposti sono stati ricostruiti per la prima volta dalla scomparsa dell’artista grazie allo studio della storica dell’arte Marina Pugliese e della restauratrice Barbara Ferriani.

Un allestimento inedito che mette in rilievo la forza innovativa di un grande maestro del Novecento, tra gli artisti italiani più influenti del XX secolo e fondatore dello Spazialismo. Per rivelarci che i famosi “tagli” di Fontana rappresentano soltanto la punta dell’iceberg di una produzione ricchissima ed eclettica.

Articolo scritto da:
Francesca Grazioli

Francesca Grazioli

Nata a Milano nel 1985, nel 2011 consegue a pieni voti la laurea magistrale in Marketing e comunicazione d'impresa presso l'Università degli Studi di Milano. Dal 2014 è una tra i primi collaboratori di Arte Rivista.
TI POTREBBE INTERESSARE
CATEGORIA:Arte Italiana
  • prorogata canaletto a roma
    Arte Rivista, Roma Grande successo di pubblico per la retrospettiva che il Museo di Roma a Palazzo Braschi dedica al pittore veneziano Canaletto, nel 250° anniversario della morte
  • pino pinelli a palazzo reale
    Arte Rivista – Milano Fino al 16 settembre, Palazzo Reale di Milano ospita la mostra “PINO PINELLI. Pittura oltre il limite”, l’antologica del  grande artista
  • pisani shoah
    Arte Rivista, Padova Lo scorso 26 gennaio, in occasione della Giornata della Memoria, l’artista Franca Pisani donò un’opera d’arte dal titolo “Shoah, memor