10 gennaio 2020
CATEGORIA: Arte Italiana

Biennale di Venezia, Cecilia Alemani sarà il direttore dell’edizione 2021

ceclia-alemani-1578731805

Arte Rivista, Venezia

Sarà Cecilia Alemani il nuovo direttore del settore Arti Visive della Biennale, con l’incarico di progettare e curare la prossima 59/a Esposizione. Lo ha deciso il cda della Biennale di Venezia.

Il ministro della Cultura Franceschini, che nel 2017 la volle alla guida del Padiglione Italiano, già la applaude: “Il suo sarà certamente un progetto innovativo e coraggioso”.

Classe 1977, laureata in filosofia estetica a Milano, master al Beaubourg, corsi alla Tate Modern e carriera di successo a New York dove vive ormai da 15 anni con il figlio e il marito Massimiliano Gioni (anche lui alla guida della Biennale nel 2013), Cecilia Alemani è stata la prima curatrice under 40 quando nel 2011 le venne affidata la direzione artistica della High Line della Grande Mela, la passeggiata costruita sul percorso in disuso di una ferrovia merci ai bordi dell’Hudson.

Cecilia Alemani è da oggi alla guida della Biennale Arte 2021, prima donna italiana a ricoprire quello che per un curatore è forse l’incarico più di prestigio offerto dalle istituzioni del Belpaese.

 

Articolo scritto da:
Francesca Grazioli

Francesca Grazioli

Nata a Milano nel 1985, nel 2011 consegue a pieni voti la laurea magistrale in Marketing e comunicazione d'impresa presso l'Università degli Studi di Milano. Giornalista pubblicista, dal 2014 è una tra i primi collaboratori di Arte Rivista.
TI POTREBBE INTERESSARE
CATEGORIA:Arte Italiana
  • biggi
    Arte Rivista – Mantova Si intitola “Il tempo della natura, gli spazi della realtà” la grande antologica che Palazzo Ducale di Mantova dedica a Gastone Biggi. Cur
  • artemisia-gentileschi
    Arte Rivista – Londra Uno degli eventi artistici del 2020, la mostra “Artemisia” alla National Gallery di Londra, apre i battenti dopo il rinvio a causa del lockdown, ed
  • 20200618_125110
    Arte Rivista – Genova Viaggiare, visitare luoghi, conoscere culture e affascinarsi. Questo è ciò che ci è mancato e di cui ci siamo privati durante il lockdown, non sapend