1 luglio 2020
CATEGORIA: Mostre ed Eventi

GE/2019 Boiling Projects: un viaggio nella fotografia italiana contemporanea

carm nic

GE/2019 Boiling Projects (da Guarene all’Etna) riparte con una visita narrata direttamente dal curatore Filippo Maggia giorno 2 luglio alle 18:30, a Taormina all’ex Chiesa del Carmine. È possibile prenotare la visita direttamente alla mail della Fondazione Oelle info@fondazioneoelle.com.

Da Guarene all’Etna è il progetto della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, in collaborazione con la Fondazione Oelle Mediterraneo Antico, dedicato alla giovane fotografia italiana. La sua prima edizione del 1999 si è posta come attenta mappatura di quello che è il paesaggio italiano e di come quest’ultimo sia in continuo cambiamento.

In un Paese dove effettivamente – come fa notare il curatore Filippo Maggia – non si è mai voluto riconoscere il valore artistico della fotografia, GE rappresenta quella luce che dimostra quanta arte ci sia in un mezzo che si è evoluto dall’analogico al digitale. Proprio con l’avvento del digitale la fotografia è stata ritenuta uno strumento di comunicazione “commerciale”, rendendolo accessibile a tutti e associandolo troppo spesso all’utilizzo per i social network. Di continuo però ci si impegna nel trovare nuove tecniche comunicative che sfruttino il linguaggio fotografico. GE/2019 Boiling Projects sottolinea proprio la varietà tematica e metodologica di raccontare l’Italia, come fecero grandi maestri della fotografia (basti pensare a Ghirri, Basilico, Jodice), innovando il linguaggio e attribuendogli un valore artistico e culturale. 

Fotografie poetiche, ricche di narrativa, concettuali e non, ma anche video e installazioni. Il racconto di un territorio meraviglioso attraverso gli occhi e la mente di venticinque artisti italiani, esposto in un luogo altrettanto pregno di storia e cultura. 

Foto di Carmelo Nicosia, tratta dal suo lavoro “Etna. The Wonder Volcano.” 

Articolo scritto da:
Mario Bronzino

Mario Bronzino

Nato a Palermo nel 1997 e con base a Catania dal 2018. L'arte e la fotografia lo tengono in costante movimento da un capo all'altro della Sicilia. "Arancina" o "Arancino" non importa: l'importante è mangiarli!
TI POTREBBE INTERESSARE
  • aulestia-(3)1
    Arte Rivista – Milano Almach Art Gallery apre a Milano, con il coraggio di chi sfida le molte minacce di chiusura che assediano il mondo della cultura, e riporta in mostra Sa
  • sognatori
    Arte Rivista – Milano Con The Dreamers: sognatori nel tempo  dell’abbandono, personale fotografica con tecnica mista dell’artista milanese Donatella Izzo, per la curatel
  • treno-deraglia-balena
    Arte Rivista – Olanda Nella notte della scorsa domenica, alla stazione della metropolitana De Akkers a Spijkenisse, vicino Rotterdam in Olanda, una metropolitana come ogni se