28 aprile 2017
CATEGORIA: Flash

Addio a Robert Pirsig, l’autore de “Lo zen e l’arte della manutenzione della motocicletta”

3

E’ scomparso a 88 anni Robert M. Pirsig, autore di uno dei libri che fecero la storia dell’editoria americana degli anni ’70, “Lo zen e l’arte della manutenzione della motocicletta”. Il suo romanzo era stato respinto da oltre cento editori prima di essere stampato nel 1974 da William Morrow e vendere poi più d 5 milioni di copie. Il libro è una sorta di autobiografia di un viaggio in cui l’autore e il figlio Chris attraversano in motocicletta gli Stati Uniti. La cronaca del viaggio diventa metafora della ricerca di sè, ricca di spunti di riflessione, eccone alcune:

“Vivere soltanto in funzione di una meta futura è sciocco: è sui fianchi della montagna e non sulla cima che si sviluppa la vita”.

“La fretta è di per sé un atteggiamento velenoso da ventesimo secolo, che tradisce indifferenza e impazienza.”

“Noi prendiamo una manciata di sabbia dal panorama infinito delle percezioni e la chiamiamo mondo”.

“Non esiste nessun manuale che parli del problema essenziale della manutenzione della motocicletta: tenere a quello che si fa. Questo è considerato di scarsa importanza, o viene dato per scontato.”

Articolo scritto da:
Francesca Grazioli

Francesca Grazioli

Nata a Milano nel 1985, nel 2011 consegue a pieni voti la laurea magistrale in Marketing e comunicazione d'impresa presso l'Università degli Studi di Milano. Giornalista pubblicista, dal 2014 è una tra i primi collaboratori di Arte Rivista.
TI POTREBBE INTERESSARE
CATEGORIA:Flash
  • altalene-rosa-muro-usa-messico-1
    Arte Rivista, Messico Altalene rosa per “abbattere” il muro al confine tra Usa e Messico. A realizzare il progetto, denominato “Teeter totter wall” (muro al
  • Quatre-Caps-Not-Longer-Life-Caravaggio-532x420
    Arte Rivista, Madrid Come sarebbero state le composizioni di natura morta dipinte da Caravaggio o Monet se la frutta e la verdura al centro delle loro tele fosse stata ricoperta da
  • falsi
    In redazione è arrivata questa comunicazione da parte dell’Archivio Mambor, che avvisa i collezionisti di prestare attenzione ad alcune opere false dell’artista Renato