22 novembre 2018
CATEGORIA: Arte Italiana

Willow alla Fabbrica del Vapore

Willow INVITO_A-001

Arte Rivista, Milano

Sabato 1 dicembre alle ore 18.00 Filippo Bruno, in arte Willow, inaugurerà la sua mostra personale presso la Fabbrica del Vapore di Milano, nell’ambito del progetto “Spazi al talento”, con il patrocinio del Comune di Milano. L’esposizione, curata da Michele Ciolino, sarà visitabile fino al 13 dicembre; in mostra oltre 50 opere inedite in un grande spazio espositivo.

L’arte neopop di Willow è ormai nota nel panorama italiano e non solo: ha collaborato con aziende e case editrici, realizzando originali packaging o decorando oggetti e accessori. Dalle confezioni del panettone Motta ai jumbo tram di Milano, dall’Agenda Comics ai cappelli per Borsalino. Da una prima esperienza come fumettista, Willow è passato alla creazione di uno stile personale e riconoscibile, caratterizzato da colorati esserini che si “parlano” attraverso i balloons.

 

Fabbrica del Vapore
Milano, via Giulio Cesare Procaccini 4
Dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 19:00
Sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 allle ore 19:00

Articolo scritto da:
Francesca Grazioli

Francesca Grazioli

Nata a Milano nel 1985, nel 2011 consegue a pieni voti la laurea magistrale in Marketing e comunicazione d'impresa presso l'Università degli Studi di Milano. Giornalista pubblicista, dal 2014 è una tra i primi collaboratori di Arte Rivista.
TI POTREBBE INTERESSARE
CATEGORIA:Arte Italiana
  • Schermata-2019-01-15-alle-12.40.59-600x600
    Arte Rivista – Agrigento Riapre nella mattina del 30 Maggio il complesso della Valle dei Templi di Agrigento. Ingresso scaglionato dall’applicazione YouLine, che permet
  • nanda vigo
    Arte Rivista – Milano Si è spenta oggi Nanda Vigo, architetto, designer e artista milanese classe 1936. Un personaggio poliedrico e versatile che ha giocato un ruolo central
  • Germano-Celant-Fondazione-Prada-Osservatorio-Foto-Ugo-Dalla-Porta-1
    Arte Rivista – Milano Muore a all’età di 80 anni Germano Celant, nato a Genova nel 1940. Era da circa due mesi ricoverato nella terapia intensiva dell’ospedale San Raf