2 dicembre 2015
CATEGORIA: Cinema

#TorinoFilmFestival: The Final Girls di Todd Strauss-Schulson

12315008_10205858063673654_1853909381_o

Arte Rivista – Torino

Presentato al South by Southwest lo scorso marzo e giunto lo scorso mese sui grandi schermi americani, The Final Girls di Todd Strauss-Schulson si propone al grande pubblico italiano in occasione del Torino Film Festival, per la sezione After Hours.

12334420_10205858057273494_1723705099_o

«Amo il cinema e mi piaceva l’idea di fare un film in cui qualcuno rimane intrappolato in un film e in cui gli stereotipi del cinema non ti mollano… Mi ricordo quando da ragazzino andavo al videostore tutti i giorni e cercavo di noleggiare ogni titolo della sezione horror. […] The Final Girls è un rimando comico a quei titoli, con la recitazione pessima, i costumi improbabili e tutto il resto. Ma è anche un film sul cinema e sui cinefili. Volevo che trasparisse la gioia assoluta della regia cinematografica: gran parte dell’essenza del film risiede nel tono e nel modo in cui è stato diretto».

12343030_10205858061353596_1578011334_o

A tre anni dalla morte della madre Amanda Cartwright (Malin Akerman), Max (interpretata da Taissa Farmiga, la Violet della serie-tv American Horror Story: Muder House) partecipa in qualità di ospite d’onore ad una proiezione di Camp Bloodbath, un horror b-movie che ha segnato gli esordi da attrice e scream queen della madre. Scoppiato un incendio in sala, Max si farà strada aprendo un varco all’interno dello schermo ritrovandosi così catapultata nell’universo filmico di Camp BloodBath in compagnia della migliore amica Gertie (Alia Shawkat), Chris (Alexander Ludwig, noto per la serie Vikings), il nerd di turno Duncan (Thomas Middleditch) e la mean girl Vicki (Nina Dobrev).

«Oooh, I love legends! Loch Ness, Bigfoot, Bon Jovi… all of ’em!»

12318089_10205858062713630_1117267088_o

Il regista Americano Todd Strauss-Schulson (A Very Harold & Kumar Christmas), dona vita alla sceneggiatura di Mark Fortin e Josh Miller per un’opera tra horror e commedia che si muove tra i due generi con dimestichezza e nostalgia. Sulle mosse di film come “The Cabin in the Woods”, “Tucker & Dale vs. Evil” o la serie cinematografica di “Scream”, The Final Girls (il cui titolo rimanda alle ultime ragazze, le superstiti finali che fronteggiano vittoriose il killer di turno) si articola tra continue citazioni al genere (dal villain Billy Murphy armato di machete con non poche assonanze al Jason di Venerdì 13), cliché (con personaggi stereotipati) e ancora una satira sugli schemi e il linguaggio del genere, dal classico e tempestivo intervento del killer seriale nelle scene di nudo, qui invano prevenute, all’irrompere fisicamente nella scena dei titoli di coda o dei sottotitoli.

 

12318566_10205858062953636_1555501514_o

 

Che il futuro non ci riservi forse un seguito, d’altronde «the sequel is so much cooler than the original».

Articolo scritto da:
Alex Zambernardi

Alex Zambernardi

Nato a Magenta nel lontano 1991, nel 2015, conclusa una triennale nell'ambito della comunicazione, sopraffatto dalla passione cinefila intraprende la laurea magistrale in Cinema e Media presso l’Università degli Studi di Torino. Su Arte Rivista si occuperà di raccontare il meraviglioso mondo della settima arte.
TI POTREBBE INTERESSARE
CATEGORIA:Cinema
  • mambor film
    Arte Rivista, Napoli Il 14 ottobre, al Teatro Augusteo di Napoli, verrà presentato il film “MAMBOR” per la regia di Gianna Mazzini. Uno sguardo intimo e inedito sulle
  • cattelan film
    S’intitola “Be Right Back” e sarà visibile nelle sale italiane solo il 30 e il 31 maggio: è il docu-film su Maurizio Cattelan. Dopo l’anteprima al Tribeca Film Festiv
  • «Ho chiesto al fiore il perché della bellezza di tutte le cose. E il fiore mi ha risposto profumando il mio spirito d’amore» La vita, quella di un ragazzino orfano arrestato p