12 gennaio 2017
CATEGORIA: Cinema

Segantini, ritorno alla natura. L’artista che ha incantato l’Europa nel documentario di Francesco Fei

«Ho chiesto al fiore il perché della bellezza di tutte le cose. E il fiore mi ha risposto profumando il mio spirito d’amore»

La vita, quella di un ragazzino orfano arrestato per vagabondaggio. L’amore, quello del pittore alle prime armi per la sua giovane modella. E l’arte, quella che ha incantato tutta l’Europa. Sono tante le chiavi di lettura a cui si presta Segantini, ritorno alla natura, docu-film del regista Francesco Fei, in sala il 17 e 18 gennaio. Un racconto delicato e purissimo, interpretato dall’attore Filippo Timi, e accompagnato dai commenti di Annie Paule Quinsac (critica d’arte), Gioconda Leykauf-Segantini (nipote dell’artista), Franco Marrocco (direttore dell’Accademia di Brera) e Romano Turrini (storico).

Scritto a sei mani da Francesco Fei, Federica Masin e Roberta Bonazza, e distribuito da Nexo Digital in collaborazione con Sky Arte HD e MYmovies.it, il film è un poetico invito a riscoprire l’arte di un pittore unico e a lasciarsi incantare dalla sua bellezza.

«Ho scoperto e amato fin da subito l’arte di Segantini visitando la Galleria d’Arte Moderna di Milano», spiega il regista. «Il suo messaggio è al tempo stesso classico ed estremamente contemporaneo. Anche la vita di Segantini possiede la medesima potenza, lo stesso fascino. Nato poverissimo, orfano a cinque anni, analfabeta, rinchiuso in un riformatorio a dieci anni, apolide per tutta la vita, riuscì, con la sua volontà e le sue capacità, a diventare uno dei pittori più importanti del simbolismo europeo. Inoltre con la sua compagna, Bice Bugatti, diede vita ad una storia bellissima d’amore. Come si legge nel piccolo cimitero di Maloja, dove riposano per sempre insieme: arte e amore vincono il tempo»

In Segantini, ritorno alla natura c’è tutto. C’è la vita ardentemente vissuta da un uomo singolare, eccentrico e solitario. C’è l’arte potentissima delle sue creazioni nelle quali entriamo trascinati dal regista, penetrando nei colori, nella tela e nella materialità dell’opera. Scavando così a fondo da riemergere nella natura, quella vera, dei luoghi vissuti dall’artista. E poi ci sono le parole di Segantini, la profondità e l’intelligenza dei sui scritti che caldamente ci accompagnano nel suo pensiero e ci rivelano la sua grandezza.

«Non lasciai mai oziare né la mente né il cuore, e da loro compresi il segreto della vita e dell’amore»

Articolo scritto da:
Jessica Pompili

Jessica Pompili

Laureata in Lettere presso l'Università degli Studi di Milano, ama le storie più di ogni altra cosa. Si occupa di letteratura, scrittura, editoria e cinema di animazione. Nel 2016 ha fondato il sito www.mellowanimazione.com
TI POTREBBE INTERESSARE
CATEGORIA:Cinema
  • mambor film
    Arte Rivista, Napoli Il 14 ottobre, al Teatro Augusteo di Napoli, verrà presentato il film “MAMBOR” per la regia di Gianna Mazzini. Uno sguardo intimo e inedito sulle
  • cattelan film
    S’intitola “Be Right Back” e sarà visibile nelle sale italiane solo il 30 e il 31 maggio: è il docu-film su Maurizio Cattelan. Dopo l’anteprima al Tribeca Film Festiv
  • cinema-sala
    Arte Rivista – Milano La Cineteca milanese d’Italia festeggia i suoi primi 70 anni, e lo fa con un calendario di iniziative che andrà avanti per tutto il 2017. Da genn