16 settembre 2019

Rubato il water d’oro di Maurizio Cattelan, valeva 5 milioni di euro

1568471749873.jpg--colpo_grosso_in_uk__rubato_il_water_d_oro_di_maurizio_cattelan

Arte Rivista, Londra

Il water d’oro dal titolo “America”, la provocatoria scultura d’oro massiccio a 18 carati di Maurizio Cattelan, è stato rubato la notte scorsa in Inghilterra. A mettere a segno il furto, una banda che si è introdotta a Blenheim Palace, antica residenza inglese di Winston Churchill, trafugando l’opera dell’artista concettuale italiano, che era stata installata nel palazzo a beneficio di turisti e visitatori, che potevano anche utilizzarla, in quanto funzionante. Proprio per questo motivo il furto ha provocato inoltre l’allagamento del museo. L’opera, del valore stimato di 5 milioni di euro, era stata esposta per la prima volta al Guggenheim di New York nel 2016, ed era ora in prestito nel Regno Unito. Per il furto è stato arrestato un uomo di 66 anni, ma le indagini proseguono e dell’opera non c’è ancora nessuna traccia.

Articolo scritto da:
Francesca Grazioli

Francesca Grazioli

Nata a Milano nel 1985, nel 2011 consegue a pieni voti la laurea magistrale in Marketing e comunicazione d'impresa presso l'Università degli Studi di Milano. Giornalista pubblicista, dal 2014 è una tra i primi collaboratori di Arte Rivista.
TI POTREBBE INTERESSARE
  • wes_anderson_Milano_10_motivi_per_vedere_la_mostra_di_fondazione_prada
    Arte Rivista, Milano “Il sarcofago di Spitzmaus e altri tesori” è il nuovo progetto espositivo concepito dal regista cinematografico Wes Anderson e dall’illustratrice Ju
  • 1940-Frida-Kahlo-Autoportrait-au-collier-deacutepines-Self-portrait-with-the-collar-of-spines-Huile-sur-toile-635x495-cm_zpsc9bb75d7
    Arte Rivista, Roma Arriva nella Capitale la mostra-evento “Frida Kahlo, il caos dentro”, dedicata alla grande artista messicana e al marito, Diego Rivera. Un mix tra esposizio
  • lachapelle
    Arte Rivista, Torino David LaChapelle è il protagonista della nuova mostra alla Reggia di Venaria, in scena fino al prossimo 6 gennaio 2020. Atti divini è il titolo della mostra