14 marzo 2016
CATEGORIA: Arte Italiana

Riapre la cripta di San Sepolcro, l’ombelico di Milano

Cripta_Santo_Sepolcro

Arte Rivista – Milano

Piazza Pio XI, annesso al complesso architettonico della Veneranda Biblioteca Ambrosiana, un piccolo gioiello archeologico e storico, un altro vanto per la bella Mediolanum.
Dopo cinquant’anni riapre la Cripta della Chiesa del Santo Sepolcro, offrendosi al pubblico come l’ennesimo sito culturale oltre che profondamente spirituale.

 

Gian Andrea Biffi e Gerolamo Olivieri_Palma_1616_Cripta_Santo_Sepolcro

 

La cripta venne scelta come personale luogo di preghiera da Carlo Borromeo, il quale la definì “l’ombelico della città”; all’interno, tra gli affreschi e i dipinti ancora non restaurati, troviamo una statua di San Carlo, in terracotta policroma, posta dopo la sua canonizzazione.
Il prestigio del sito non è dato soltanto dalla possibilità di camminare sul lastricato del foro romano, ma dall’importanza conferita alla cripta da Leonardo da Vinci in persona: egli ci lasciò, infatti, sia un disegno della chiesa superiore, sia della cripta, insieme alla celebre mappa della città di Milano, conservata nel Codice Atlantico, dove indicò la chiesa di Santo Sepolcro come “vero mezzo” della città.

 

map03-leonardo1-752x1024

 

Gli affreschi alle pareti sono stati messi in sicurezza prima dell’apertura al pubblico, così come la messa in atto di interventi di revisione dell’impianto elettrico e di illuminazione, ma verrà iniziato il restauro solo grazie al contributo dei visitatori.
Il progetto, elaborato nel 2011, è stato oggetto di contributo da parte della Regione Lombardia e della Fondazione Cariplo.

Articolo scritto da:
Vanessa Martinoli

Vanessa Martinoli

Con la passione per il colore dal 1994, tra Varese e Milano trova l'habitat ideale dove coltivare la scrittura e la passione per l'arte in ogni sua forma. Laureanda in Lettere moderne non smette di credere in un futuro professionale costellato di vernissage e carta stampata.
TI POTREBBE INTERESSARE
CATEGORIA:Arte Italiana
  • novecento-lunare-0818
    Arte Rivista – Firenze Il 20 luglio del 1969, alle 22.17 ora italiana, si compì, sotto gli occhi di milioni di telespettatori, un millenario sogno dell’uomo. Il modulo lun
  • f57578649bee928a1518deb5ab0e27de151734fb_1920_1280
    Arte Rivista – Roma La mostra “Luca Signorelli e Roma. Oblio e riscoperte”, in corso ai Musei Capitolini fino al 12 gennaio 2020, si arricchisce di una nuova e in
  • De-Pisis-Museo-Novecento
    Arte Rivista – Milano Il Museo del Novecento dedica un’ampia retrospettiva all’artista ferrarese Filippo de Pisis, una figura di grande rilievo del Novecento italiano e u