4 marzo 2020
CATEGORIA: Arte Italiana

Raffaello, omaggio alle Scuderie di Roma

Ritratto di donna nei panni di Venere (“Fornarina”)
Portrait of woman in the role of Venus (“Fornarina”)
1519-1520 circa
olio su tavola / oil on panel
Roma, Gallerie Nazionali d'Arte Antica di Roma, Barberini
Gallerie Nazionali di Arte Antica, Roma (MIBACT) - Biblioteca Hertziana, Istituto Max Planck per la storia dell’arte/Enrico Fontolan

Arte Rivista – Roma

Della sua morte, tragica e improvvisa – e in qualche modo oggi così attuale dal momento che arrivò dopo pochi giorni di “febbri acutissime” – i contemporanei parlavano con disperazione e sconcerto. Nel fiore degli anni e nel pieno del suo successo, appena investito del compito di mettere ordine nell’urbanistica romana, il 37enne Raffaello lasciava un vuoto improvviso e lacerante nell’indaffarata Roma rinascimentale. E proprio dal suo letto di morte, dall’affollato corteo funebre di amici letterati e politici, e dalla quella tomba di marmi colorati che lui stesso aveva progettato per sé all’interno del Pantheon – ricostruita qui a grandezza naturale – prende avvio il percorso  a ritroso della grande mostra che fino al 2 giugno presso le Scuerie del Quirinale di Roma renderà omaggio al genio urbinate nei 500 anni dalla morte.

In mostra un susseguirsi di capolavori, dalla celebre Fornarina al ritratto di Tommaso Inghirami, il cardinale strabico che Raffaello convinse facendolo posare con lo sguardo rivolto in alto, così da rendere quasi invisibile quell’evidentissimo difetto. Da Monaco è arrivato l’incanto della Madonna Tempi, da Madrid la dolcezza della Madonna della rosa, da Washington la Madonna d’Alba. “Mai così tante opere di Raffaello tutte insieme”, ha commentato Schmidt. Il percorso si chiude con il Raffaello giovinetto, l’autoritratto diventato icona del pittore.

 

Articolo scritto da:
Francesca Grazioli

Francesca Grazioli

Nata a Milano nel 1985, nel 2011 consegue a pieni voti la laurea magistrale in Marketing e comunicazione d'impresa presso l'Università degli Studi di Milano. Giornalista pubblicista, dal 2014 è una tra i primi collaboratori di Arte Rivista.
TI POTREBBE INTERESSARE
CATEGORIA:Arte Italiana
  • 20200618_125110
    Arte Rivista – Genova Viaggiare, visitare luoghi, conoscere culture e affascinarsi. Questo è ciò che ci è mancato e di cui ci siamo privati durante il lockdown, non sapend
  • sito-1-1140x600
    Arte Rivista – Napoli I Magazzini Fotografici di Yvonne De Rosa a Napoli, ripartono giorno 19 giugno 2020 con la mostra “Bord de Mer” di Gabriele Basilico. La mostra nasc
  • pisani napoli
    Arte Rivista – Napoli In un calendario 2020 sempre più orfano degli appuntamenti dell’arte e della cultura, finalmente una buona notizia: dal 6 settembre Franca Pisani sar