19 giugno 2019
CATEGORIA: Flash

Not longer life, la natura morta ai tempi della plastica

Quatre-Caps-Not-Longer-Life-Caravaggio-532x420

Arte Rivista, Madrid

Come sarebbero state le composizioni di natura morta dipinte da Caravaggio o Monet se la frutta e la verdura al centro delle loro tele fosse stata ricoperta dagli imballaggi di plastica dei nostri tempi? È questa la domanda che si sono posti gli architetti dello studio spagnolo Quatre Caps, che hanno deciso di trasformare alcuni dei capolavori più celebri della storia dell’arte in un’occasione per riflettere.

7fb73e0c-2767-42d1-8b49-ed42eb0219cf

Nella serie di immagini “Not Longer Life”, il limone si trasforma in una bottiglia che ne contiene unicamente il succo, le mele diventano scatolette con purea già lavorata, le arance vengono sbucciate e riposte in un contenitore di plastica, pronte per essere vendute in un qualche supermercato.

Luis-Egidio-Melenez_1200

Immagini forti che suggeriscono una riflessione sulla direzione che la società dei consumi ha intrapreso, e sulla mancanza di rispetto per risorse naturali che pieghiamo a nostro piacimento in virtù di un concetto di progresso opinabile.

Articolo scritto da:
Francesca Grazioli

Francesca Grazioli

Nata a Milano nel 1985, nel 2011 consegue a pieni voti la laurea magistrale in Marketing e comunicazione d'impresa presso l'Università degli Studi di Milano. Giornalista pubblicista, dal 2014 è una tra i primi collaboratori di Arte Rivista.
TI POTREBBE INTERESSARE
CATEGORIA:Flash
  • 6
    Arte Rivista – Milano Milano celebra una grande autrice, a dieci anni dalla morte avvenuta il primo novembre 2009. Parliamo di Alda Merini e di una serie di iniziative in div
  • altalene-rosa-muro-usa-messico-1
    Arte Rivista, Messico Altalene rosa per “abbattere” il muro al confine tra Usa e Messico. A realizzare il progetto, denominato “Teeter totter wall” (muro al
  • falsi
    In redazione è arrivata questa comunicazione da parte dell’Archivio Mambor, che avvisa i collezionisti di prestare attenzione ad alcune opere false dell’artista Renato