29 febbraio 2016
CATEGORIA: Cinema

Low di Renaud Cojo, ovvero L’uomo che cadde sulla Terra

David Bowie

Giunto sotto i migliori auspici alla sua seconda edizione, Seeyousound International Music Film Festival, primo festival italiano di cinema interamente dedicato alle tematiche musicali, ha deciso di omaggiare l’inattesa ed improvvisa scomparsa del Duca Bianco con la presentazione in anteprima mondiale di Low, opera prima dell’autore e regista teatrale Renaud Cojo.

Frutto di un lavoro teatrale dal titolo Low/Heroes, un Hyper-Cycle Berlinois messo in scena lo scorso anno alla Philharmonie de Paris in occasione della celebre esposizione DAVID BOWIE IS, Low è un’esperienza sensoriale, un’odissea visiva e sonora di un ignoto personaggio tra le macerie e la memoria storica di una Berlino post-apocalittica. Tra distopia e omicidi rituali come forme d’arte.

Low

Siamo nel lontano 1976 e sullo sfondo della corsa agli armamenti, decisiva per l’avvio della Guerra Fredda, David Robert Jones, in arte David Bowie, decide di installarsi nella Berlino Ovest in vista di quel rinnovamento artistico che lo condurrà all’assunzione del celebre alter ego Thin White Duke, il sottile Duca Bianco.

Fortemente influenzato dal krautrock di Kraftwerk e Neu!, l’artista realizzò, in collaborazione con Brian Eno, la nota Trilogia di Berlino. Un’approccio minimalista per brani pop/rock pervasi dallo zeitgeist bellico, stigmatizzato nell’immagine di quel muro simbolo della cortina di ferro, che divideva la Repubblica Democratica dalla Repubblica Federale Tedesca.

Low

Ad accompagnare le immagini, proprio una re-interpretazione della Trilogia (da Low a Heroes fino a Lodger), la Low Symphony, composta nel 1992 dal compositore Philip Glass, qui lungi dal suo classico e peculiare stile minimalista.

«Il mio intento è quello di realizzare un’opera complessa, in cui l’estetica bianco/nero dei film degli anni 20 e gli scenari semi-mitici possano costruire una poesia lirica, surrealista e personale dove fantasia e caos diventano un tutt’uno».

Articolo scritto da:
Alex Zambernardi

Alex Zambernardi

Nato a Magenta nel lontano 1991, nel 2015, conclusa una triennale nell'ambito della comunicazione, sopraffatto dalla passione cinefila intraprende la laurea magistrale in Cinema e Media presso l’Università degli Studi di Torino. Su Arte Rivista si occuperà di raccontare il meraviglioso mondo della settima arte.
TI POTREBBE INTERESSARE
CATEGORIA:Cinema
  • download
    Arte Rivista – Milano Tempi duri per il mondo del cinema con le sale chiuse e le riprese bloccate causa coronavirus ormai da mesi in tutto il mondo. Alcune case di produzione
  • Disney_286x424-1
    ArteRivista – Milano Al Mudec di Milano arriva la mostra “Disney: l’arte di raccontare storie”, dal 19 febbraio al 13 settembre, che raccoglierà gli intramonta
  • frida-viva-la-vida
    Arte Rivista – Milano Torna La Grande Arte al Cinema di Nexo Digital con un nuovo documentario dedicato a Frida Khalo, con la voce narrante di Asia Argento e la colonna sonor