30 ottobre 2018

“Inside Magritte” alla Fabbrica del Vapore

90410

Arte Rivista, Milano

Alla Fabbrica del Vapore di Milano, fino al 10 febbraio 2019, sarà possibile entrare nel mondo onirico del pittore belga Renè Magritte. Si chiama “Inside Magritte” il nuovo e inedito percorso espositivo multimediale dedicato al maestro surrealista.

Curata dalla storica dell’arte belga Julie Waseige, la mostra è un itinerario evocativo che per la prima volta racconta il surrealismo di Magritte attraverso la scelta di 160 opere utilizzando la tecnologia digitale.

Immagini, musiche, videoinstallazioni daranno al pubblico nuovi strumenti per comprendere ed entrare nel mondo di Magritte: un vero viaggio tra le opere che hanno fatto la storia dell’arte del Novecento.

Protagoniste assolute sono le atmosfere e i soggetti prediletti dal maestro, probabilmente tra le immagini più note della pittura: dagli uomini in bombetta che galleggiano nel cielo delle metropoli ai corpi umani con la testa di pesce fino alla famosa pipa-non-pipa. Tutte da godersi passeggiando, sdraidandosi, meravigliandosi.

 IMG_3266 IMG_8777

 

Fotografie: Francesca Grazioli

Articolo scritto da:
Francesca Grazioli

Francesca Grazioli

Nata a Milano nel 1985, nel 2011 consegue a pieni voti la laurea magistrale in Marketing e comunicazione d'impresa presso l'Università degli Studi di Milano. Giornalista pubblicista, dal 2014 è una tra i primi collaboratori di Arte Rivista.
TI POTREBBE INTERESSARE
  • 1022A587-18DE-4D47-A16C-4A176625106F
    Arte Rivista – New York Oggi, domenica 31 Maggio 2020 si è spento l’artista Christo Jadimirov Javacheff. Meglio noto come Christo, passato a miglior vita nella tranquillit
  • covid19
    Arte Rivista – Palermo La pandemia che sta sconvolgendo il ventunesimo secolo non vede il silenzio degli artisti, ma anzi la loro mobilitazione. AiWeiwei, artista cinese di i
  • ermitage
    Arte Rivista – San Pietroburgo Sono tanti i musei chiusi da inizio marzo per le misure di contenimento del Covid-19, ma visitabili in modalità virtuale. E sono sempre di pi