15 marzo 2016

Helmut Newton – White Women / Sleepless Nights / Big Nudes – a Venezia

3f39ae84ca9e401c99290d3c145fd98d

Arte Rivista – Venezia

White Women / Sleepless Nights / Big Nudes presenta, per la prima volta a Venezia, oltre 200 immagini di Helmut Newton, uno dei fotografi più importanti e celebrati del Novecento.

L’esposizione, curata da Matthias Harder e Denis Curti, organizzata da Civita Tre Venezie in collaborazione con la Helmut Newton Foundation, è frutto di un progetto, nato nel 2011 per volontà di June Newton, vedova del grande fotografo.

La rassegna raccoglie le immagini di White Women, Sleepless Nights e Big Nudes, i primi tre libri di Newton pubblicati alla fine degli anni ‘70, volumi oggi considerati leggendari e gli unici curati dallo stesso Newton.

Nel selezionare le fotografie, Newton mette in sequenza, l’uno accanto all’altro, gli scatti compiuti per committenza con quelli realizzati liberamente per se stesso, costruendo una narrazione in cui la ricerca dello stile, la scoperta del gesto elegante sottendono l’esistenza di una realtà ulteriore, di una vicenda che sta allo spettatore interpretare.

Helmut Newton Sie kommen from the series Big Nudes Paris 1981 © Helmut Newton Estate

Helmut Newton
Sie kommen
from the series Big Nudes
Paris 1981
© Helmut Newton Estate

Helmut Newton. Fotografie.

7 aprile – 7 agosto 2016

Casa dei tre Oci, Venezia

Articolo scritto da:
Primo Vanadia

Primo Vanadia

Nato a Palermo, formatosi a Milano. Artista fotografo reduce da una Biennale, altro da dire? Fonda ArteRivista nel 2014.
TI POTREBBE INTERESSARE
  • obey
    Arte Rivista – Genova Dal 4 luglio e fino al prossimo 1 novembre Palazzo Ducale di Genova dedica un’antologica a Obey, il celebre street artist statunitense. La mostra,
  • 1022A587-18DE-4D47-A16C-4A176625106F
    Arte Rivista – New York Oggi, domenica 31 Maggio 2020 si è spento l’artista Christo Jadimirov Javacheff. Meglio noto come Christo, passato a miglior vita nella tranquillit
  • covid19
    Arte Rivista – Palermo La pandemia che sta sconvolgendo il ventunesimo secolo non vede il silenzio degli artisti, ma anzi la loro mobilitazione. AiWeiwei, artista cinese di i