5 settembre 2017
CATEGORIA: Arte Italiana

Franca Pisani, “Codice archeologico” al Macro

pisani pietrasanta

Arte Rivista – Roma

Dal 29 settembre al 26 novembre, il MACRO Testaccio di Roma ospita la mostra personale di Franca Pisani dal titolo “Codice archeologico – Il recupero della bellezza”, a cura di Duccio Trombadori.

La mostra si articola su quattro livelli per proporre al visitatore un viaggio alla scoperta dei siti archeologici che hanno tracciato i codici basilari dell’umanità: dall’Afghanistan all’Irak,dal fiume Tigri all’antica città di Palmira.

In mostra grandi tele, sculture e installazioni che ci riportano alle impronte del passato e della memoria.

Fresca di Biennale di Venezia, Franca Pisani è stata tra le prime artiste donne a Firenze a sperimentare negli anni Settanta nuovi linguaggi contemporanei per revitalizzare un panorama artistico chiuso e concentrato sulla pittura tradizionale. Maremmana di nascita e versiliese di adozione, oggi la ricerca dell’artista ruota intorno a tematiche quali la coscienza ecologica, il multiculturalismo, l’identità femminile e la memoria, affrontati con una pluralità di media diversi.

Articolo scritto da:
Francesca Grazioli

Francesca Grazioli

Nata a Milano nel 1985, nel 2011 consegue a pieni voti la laurea magistrale in Marketing e comunicazione d'impresa presso l'Università degli Studi di Milano. Giornalista pubblicista, dal 2014 è una tra i primi collaboratori di Arte Rivista.
TI POTREBBE INTERESSARE
CATEGORIA:Arte Italiana
  • pompei
    Arte Rivista – Pompei Ancora una straordinaria scoperta a Pompei: nei nuovi scavi ripresi all’interno del progetto di manutenzione e restauro della Regio V riaffiora un
  • david-1400x620
    Arte Rivista – Firenze La riproduzione del David di Michelangelo andrà a Dubai per essere collocata al centro del Padiglione dell’Italia alla prossima Expo. Sono finalment
  • TvBoy_3-top
    Arte Rivista – Milano È la prima opera di street art “immortale” perchè vive anche in digitale grazie a un filtro Instagram in realtà aumentata. La nuova insta