6 aprile 2020
CATEGORIA: Arte Italiana

Buon compleanno Raffaello, oggi 500 anni dalla sua scomparsa

raffaello

Arte Rivista – Urbino

Il 2020 doveva essere l’anno di Raffaello, non del Coronavirus. Forse c’è ancora tempo, chissà. Fatto sta che oggi, 6 aprile 2020, ricorrono esattamente 500 anni dalla morte del genio Urbinate, l’uomo dal talento e dall’ingegno straordinario. La sua vita, l’arte e i suoi capolavori più importanti dovevano essere il fulcro dell’anno culturale italiano, con tanti eventi fra mostre, seminari e pubblicazioni. Tutto rinviato a post Covid-19. Compresa la maxi mostra alle Scuderie del Quirinale di Roma, con 200 capolavori da tutto il mondo in attesa di essere ammirati dal pubblico. Oggi, intanto, celebriamo il genio della bellezza eterna di Raffaello Sanzio, morto il 6 aprile 1520 a soli 37 anni, dopo quindici giorni di febbre alta.

 

Articolo scritto da:
Francesca Grazioli

Francesca Grazioli

Nata a Milano nel 1985, nel 2011 consegue a pieni voti la laurea magistrale in Marketing e comunicazione d'impresa presso l'Università degli Studi di Milano. Giornalista pubblicista, dal 2014 è una tra i primi collaboratori di Arte Rivista.
TI POTREBBE INTERESSARE
CATEGORIA:Arte Italiana
  • nanda vigo
    Arte Rivista – Milano Si è spenta oggi Nanda Vigo, architetto, designer e artista milanese classe 1936. Un personaggio poliedrico e versatile che ha giocato un ruolo central
  • Germano-Celant-Fondazione-Prada-Osservatorio-Foto-Ugo-Dalla-Porta-1
    Arte Rivista – Milano Muore a all’età di 80 anni Germano Celant, nato a Genova nel 1940. Era da circa due mesi ricoverato nella terapia intensiva dell’ospedale San Raf
  • Ritratto di donna nei panni di Venere (“Fornarina”)
Portrait of woman in the role of Venus (“Fornarina”)
1519-1520 circa
olio su tavola / oil on panel
Roma, Gallerie Nazionali d'Arte Antica di Roma, Barberini
Gallerie Nazionali di Arte Antica, Roma (MIBACT) - Biblioteca Hertziana, Istituto Max Planck per la storia dell’arte/Enrico Fontolan
    Arte Rivista – Roma Della sua morte, tragica e improvvisa – e in qualche modo oggi così attuale dal momento che arrivò dopo pochi giorni di “febbri acutissime&#