3 ottobre 2016

Ai Weiwei, Palazzo Strozzi e i Gommoni Rossi

ai-weiwei

Arte Rivista – Firenze

Aperta il 23 settembre 2016 al Palazzo Strozzi di Firenze la prima grande mostra italiana dedicata ad Ai Weiwei uno dei più controversi artisti contemporanei.

Le opere dell’artista, come da abitudine, colpiscono il pubblico ancor prima di essere entrato all’interno del Palazzo, è questo il caso dei gommoni rossi appesi alla facciata.

LIBERO, questo il titolo scelto per l’esibizione, sarà composta da percorso tra installazioni monumentali, sculture e oggetti simbolo della sua carriera, video e serie fotografiche dal forte impatto politico e simbolico, permettendo una totale immersione nel mondo artistico e nella biografia personale di Ai Weiwei.

Una personale che porterà agli occhi degli italiani la sua denuncia verso le contraddizioni tra individuo e collettività nel mondo contemporaneo. 

img_5055

 

img_5059

 

img_5030

 

img_5052

 

img_5058

 

Ai Weiwei, Libero

23 settembre 2016 – 22 gennaio 2017

Palazzo Strozzi, Firenze.

 

Galleria di Gisella Butera

Articolo scritto da:
Primo Vanadia

Primo Vanadia

Nato a Palermo, appena finito il liceo si trasferisce a Milano, studi nell'ambito delle comunicazione e della pubblicità. Fotografo, content media manager ed aspirante giornalista. Fonda Arte Rivista nel 2014, qualcosa sta cambiando.
TI POTREBBE INTERESSARE
  • 1940-Frida-Kahlo-Autoportrait-au-collier-deacutepines-Self-portrait-with-the-collar-of-spines-Huile-sur-toile-635x495-cm_zpsc9bb75d7
    Arte Rivista, Roma Arriva nella Capitale la mostra-evento “Frida Kahlo, il caos dentro”, dedicata alla grande artista messicana e al marito, Diego Rivera. Un mix tra esposizio
  • lachapelle
    Arte Rivista, Torino David LaChapelle è il protagonista della nuova mostra alla Reggia di Venaria, in scena fino al prossimo 6 gennaio 2020. Atti divini è il titolo della mostra
  • urlo-munch
    Arte Rivista, Austria L’allarme per il cambiamento climatico in atto sul nostro pianeta si fa sempre più stringente: gli effetti dell’innalzamento delle temperature sono già