19 febbraio 2016
CATEGORIA: Arte Italiana

Addio a Eugenio Carmi, maestro astrattista

eugenio carmi

Arte Rivista – Zurigo

L’artista genovese avrebbe compiuto il 18 febbraio 96 anni, ma si è spento il 17 in una clinica di Lugano.
Da qualche settimana Carmi aveva chiuso lo studio di Porta Romana e aveva cominciato a salutare gli amici, prenotando la propria eutanasia proprio per il giorno del suo compleanno. Ma la morte lo ha anticipato di poche ore.
Nato a Genova nel 1920 Eugenio Carmi si era trasferito a Zurigo nel 1938 per sfuggire alle leggi razziali. Al Politecnico della città svizzera si era poi laureato in chimica.
La passione per la pittura lo aveva però accompagnato fin dall’adolescenza e al suo ritorno in Italia aveva cominciato a studiare a Torino sotto la guida di Felice Casorati.
Dagli anni Cinquanta si era distinto tra gli esponenti dell’astrattismo italiano, per poi giungere alla fine degli anni Sessanta alla realizzazione di opere caratterizzate dal rigore delle forme geometriche.
Nel 1966 aveva partecipato alla Biennale di Venezia e, negli anni seguenti, insegnato all’Accademia di Ravenna e di Macerata, e illustrato favole di Umberto Eco.
La sua ricerca continua lo aveva portato a non limitarsi alla tela, ma a sconfinare in un mondo di materiali nuovi che recuperava dalle fabbriche (come il ferro e l’acciaio) per farne opere d’arte. Opere incentrate sulle leggi matematiche della natura, anche attraverso interventi materici e sovrapposizioni.
Dal dicembre del 2015 il Museo del Novecento di Milano ospita alcune sue opere nella mostra “Appunti sul nostro tempo”, che è stata prorogata fino al 13 marzo. Il titolo dell’esposizione ben racconta lo spirito di modernità che animava Eugenio Carmi, uno dei grandi dell’astrattismo italiano, nonché l’ultimo della generazione genovese di Lele Luzzati e Flavio Costantini.

Articolo scritto da:
Francesca Grazioli

Francesca Grazioli

Nata a Milano nel 1985, nel 2011 consegue a pieni voti la laurea magistrale in Marketing e comunicazione d'impresa presso l'Università degli Studi di Milano. Giornalista pubblicista, dal 2014 è una tra i primi collaboratori di Arte Rivista.
TI POTREBBE INTERESSARE
CATEGORIA:Arte Italiana
  • 20200618_125110
    Arte Rivista – Genova Viaggiare, visitare luoghi, conoscere culture e affascinarsi. Questo è ciò che ci è mancato e di cui ci siamo privati durante il lockdown, non sapend
  • sito-1-1140x600
    Arte Rivista – Napoli I Magazzini Fotografici di Yvonne De Rosa a Napoli, ripartono giorno 19 giugno 2020 con la mostra “Bord de Mer” di Gabriele Basilico. La mostra nasc
  • IMG-20170803-WA0009
    Arte Rivista – Napoli In un calendario 2020 sempre più orfano degli appuntamenti dell’arte e della cultura, finalmente una buona notizia: dal 5 settembre Franca Pisani sar