2 agosto 2017
CATEGORIA: Arte Italiana

Addio a Concetto Pozzati, protagonista dell’arte degli anni ’60

addio a concetto pozzati

È morto a Bologna Concetto Pozzati, figura di spicco dell’arte contemporanea italiana.

Nato nel 1935 a Vo’ di Padova e trasferitosi poi a Bologna, Pozzati è stato pittore, insegnante alle Accademie di Belle Arti di Urbino e Venezia, ed assessore alla cultura nella città di Bologna. Il suo curriculum vanta, oltre a mostre importanti, cinque partecipazioni alla Biennale di Venezia.

Protagonista nei secondi anni ’50 della “Nouvelle Figuration”, diviene poi uno dei maggiori rappresentati della “Pop Art” italiana ed europea. Dagli anni ’60 il suo linguaggio, fatto di continue contaminazioni, diviene sempre più individuale e riconoscibile. Famoso per i suoi cicli pittorici, tra i più suggestivi troviamo ”Torture” (2004), in cui dichiara che non è più il momento dell’ironia bensì quello della tragedia, e “De-Posizioni” (2006) in cui colloca nel quadro un “corpo” in un luogo non consueto.

Consapevolezza e grande capacità narrativa: Pozzati è sempre stato attento a grandi temi civili e all’impegno politico, proponendo una visione ironica del mondo.

Articolo scritto da:
Francesca Grazioli

Francesca Grazioli

Nata a Milano nel 1985, nel 2011 consegue a pieni voti la laurea magistrale in Marketing e comunicazione d'impresa presso l'Università degli Studi di Milano. Giornalista pubblicista, dal 2014 è una tra i primi collaboratori di Arte Rivista.
TI POTREBBE INTERESSARE
CATEGORIA:Arte Italiana
  • Willow INVITO_A-001
    Arte Rivista, Milano Sabato 1 dicembre alle ore 18.00 Filippo Bruno, in arte Willow, inaugurerà la sua mostra personale presso la Fabbrica del Vapore di Milano, nell’ambito
  • dozio spoleto
    Arte Rivista, Spoleto Immerso nell’atmosferica storica della città di Spoleto, Palazzo Collicola ospita l’antologica di Angelo Dozio, un’esposizione curata da Gianluca Marzi
  • prorogata canaletto a roma
    Arte Rivista, Roma Grande successo di pubblico per la retrospettiva che il Museo di Roma a Palazzo Braschi dedica al pittore veneziano Canaletto, nel 250° anniversario della morte