11 febbraio 2020

A Parigi la retrospettiva su Renato Mambor

17605-Renato-Mambor-protettori-colorati

Arte Rivista – Parigi

Fino al 22 febbraio, alla galleria Tornabuoni di Parigi va in scena una grande retrospettiva su Renato Mambor, una delle più complete sull’artista mai realizzate fuori dall’Italia.

L’evento ha un’importanza tale che vede coinvolto anche l’Istituto Italiano di Cultura parigino, dove il 13 febbraio alle ore 19 sarà proiettato il film “Renato Mambor” di Gianna Mazzini. Inoltre,  un dibattito dal titolo “Renato Mambor, au delà du Pop-Art” vedrà tra i partecipanti la moglie dell’artista Patrizia Speciale, il critico d’arte Walter Guadagnini e la regista del film.

“Voglio fare tutto, ballare, cantare, scrivere, giocare, fare film, teatro, poesia, perché la pittura non è un modo di fare, ma un modo di essere”. Queste parole dell’artista Renato Mambor (1936-2014) riassumono la visione eclettica espressa a partire dagli anni Sessanta dalla “Scuola di Piazza del Popolo” alla quale, accanto a Mambor, sono stati associati artisti come Mario Schifano, Mario Ceroli e Jannis Kounellis. Dagli incontri di questi artisti al Caffè Rosati in Piazza del Popolo, la concezione dei personaggi figurativi in pittura è stata radicalmente messa in discussione, scrivendo una pagina indimenticabile della Pop Art italiana.

Articolo scritto da:
Francesca Grazioli

Francesca Grazioli

Nata a Milano nel 1985, nel 2011 consegue a pieni voti la laurea magistrale in Marketing e comunicazione d'impresa presso l'Università degli Studi di Milano. Giornalista pubblicista, dal 2014 è una tra i primi collaboratori di Arte Rivista.
TI POTREBBE INTERESSARE
  • ermitage
    Arte Rivista – San Pietroburgo Sono tanti i musei chiusi da inizio marzo per le misure di contenimento del Covid-19, ma visitabili in modalità virtuale. E sono sempre di pi
  • khalo online
    Arte Rivista – Milano Ormai in tutto il mondo i musei sono chiusi e le mostre rimandate. L’arte però trova il suo spazio anche online: adesso che bisogna restare a cas
  • Cattura
    Arte Rivista – Lubiana È morto all’età di 76 anni l’artista tedesco Frank Uwe Laysiepen, noto come Ulay. La notizia arriva dalla stampa di Lubiana, città slove