30 settembre 2015
CATEGORIA: Street Art

Milano, isola e la street art con WAAM

Milano, Isola e la Street Art

Arte Rivista – Milano

Ci troviamo nel quartiere Isola, proprio dietro la stazione Porta Garibaldi a due passi dal Bosco Verticale.

Qui nonostante il velocissimo sviluppo della città, che ha portato grattacieli, vetro e acciaio si continua a respirare l’aria di un quartiere fuori da questo flusso evolutivo, un quartiere che vive della creatività dei suoi abitanti che ne hanno preservato la forma ed i colori.

Abbiamo passato una mattina insieme a gli amici dell’associazione WAAM (Walking Alternative Art Milan) seguendo il loro tour della Street Art in questo splendido quartiere.

Veronica Azimonti, ci ha accolto in via Pepe per iniziare questo splendido giro nel quartiere raccontandoci per brevi cenni la storia del graffitismo e della street art, la passeggiata prosegue verso via Cola Montano circondati da opere del milanese Pao, da un pinguino (sua storica firma) al tributo a Papa Francesco, come personaggio di Hallo Spank, passando per i tombini del progetto “a world of details”. Si arriva alla don Gallery per poi girare su via della Pergola dove si trovano almeno un isolato completamente decorato da firme del calibro Microbo e Ozmo, superato questo punto si iniziano a trovare una serie di “Arnold” di Zibe. Da qui si inizia il ritorno verso il punto di partenza passando per una strada parallela dove troviamo I don’t care about Uno per arrivare a concludere questo tour in via Confaloniere davanti un’opera del parigino C215.

La street art pervade le strade di questo quartiere, portando valore aggiunto ai grigi muri milansei, da questo la necessita dei ragazzi di questa associazione di andarlo ad inserire nei loro giri alternativi di Milano, come spiega la stessa Veronica a Clara Amodeo di Another Scratch in the Wall:

«Il tour di street art  tenta di avvicinare tutti alla conoscenza e alla comprensione di questa espressione, spesso criticata senza sapere bene di cosa si tratti esattamente, e spiegare che è un vero e proprio linguaggio con una serie di significati interessanti e profondi. Personalmente mi sono laureata con una tesi in street art e ho lavorato per un po’ di tempo nello studio di Pao: il fenomeno mi ha sempre affascinato quindi mi sembrava una bella idea proporre un tour per condividere i miei approfondimenti»

 

Articolo scritto da:
Primo Vanadia

Primo Vanadia

Nato a Palermo, appena finito il liceo si trasferisce a Milano, studi nell'ambito delle comunicazione e della pubblicità. Fotografo, content media manager ed aspirante giornalista. Fonda Arte Rivista nel 2014, qualcosa sta cambiando.
TI POTREBBE INTERESSARE
CATEGORIA:Street Art
  • IMG_7358
    Arte Rivista – Milano Un festival d’arte e un’occasione per riqualificare uno spazio urbano: è il progetto Looperfest e ZuArt Day che, insieme per la seconda edi
  • willow
    Arterivista – Brugherio L’ufficio postale di Brugherio, alle porte di Milano, si veste di nuovi colori. Il murale realizzato dall’artista Filippo Bruno, in arte Willow, si in
  • Lo street artist Blu, che già ha cancellato suoi murales a Berlino, raduna una piccola folla a Bologna davanti al suo dipinto più conosciuto, la 'battaglia' che adorna il centro sociale Xm24, mentre una 'squadra' di imbianchini lavora accompagnata dalla musica della Banda Roncati, Bologna, 12 marzo 2016. ANSA/ GIORGIO BENVENUTI
    Arte Rivista – Bologna Sabato 12 Marzo, sul blog del noto street artist Blu: “Magnate magnati” “A Bologna non c’è più Blu e non ci sarà più finchè i magnati magn